13
dic
1 Stella2 Stelle3 stelle4 stelle5 stelle (4 voti, media: 4 su 5)
Loading ... Loading ...
  |   Pubblicato in Politica  |3 commenti    |   Invia per e-mail questo post Invia per e-mail questo post

Il fatto: Berlusconi viene accusato di corruzione nei confronti del presidente di Rai Fiction Agostino Sacc e per l’istigazione alla corruzione del senatore Nino Randazzo, eletto all’estero per il centrosinistra, per far cadere il governo di Romano Prodi al Senato. E dato che la Legge uguale per tutti, la notizia, l’avviso di Garanzia, il Cavaliere li riceve da Repubblica! Certo il Cavaliere non si chiama Bepi Strassaro o Toni Boscolo detto Ciavarin,per cui nell’ordine delle cose ricevere un’attenzione costante e assillante da parte del circo mediatico. Vuoi mettere la notiziain prima pagina di una bandana, untrapianto di capelli, un lifting, uno svenimento? Anzi mi meraviglio come Berlusconi non vada in giro con la pubblicit stampata sui vestiti come i piloti di Formula 1…penso che nonci sarebbeun angolino libero, neanche dietro le orecchie!Ma ormai che notizia un’ulteriore indagine della Magistratura? Qualenovit c’ nella modalitࠠinformativadi ci che sta avvenendo nella Magistratura di Napoli quando proprio a Napoli fu consegnato un avviso di garanzia all’allora Presidente del Consiglio mentre era in corso un summitinternazionale contro la criminalit organizzata? Quale la novit soprattutto in odore di elezioni anticipate?

In un dibattito di una trasmissione televisiva sulla criminalit, feci notare che le carceri in Veneto sono piene di clandestini extracomunitari. Fui subito “ripreso” da un compagno di Rifondazione Comunista che affermava che nel nostro Paese esistono tre gradi di Giudizio e cheuna persona innocente finch non arriva alla fine dell’iter giudiziario.

Mi chiedo: ma in che razza di Paese viviamo? Cosa lecito e cosa illecito?Dove sta il Diritto? Perch quelle chevengono consideratele Garanzie anche per inon Cittadininon lo posono essere per tutti, o meglio non lo sono in particolare per Berlusconi?Equesto succedementre i Giudici Forlo e De Magistris sono messi alla gogna per l’indagine su Mastella e D’Alema, proprio per le modalit delle indagini e non tanto per la sostanza delle stesse, che gli stessi mass media hannoormaidimenticato di citare quando parlanodi quei casi.

Vedremo cosa succeder: che la Legge faccia il suo corso… ma secondo me la grande novit,almeno da quello che si legge in questa fase,l’eventuale passaggio di un personaggio politico daun Partito ad un altro in cambio di un posto di Governo. Effettivamentenon mai accaduto nei Palazzi della Politica dal dopoguerra ad oggi, nell’Italia di Sprecopoli e della Casta,nell’Italia deiComuni, Province e Regioni,che qualcuno abbia cambiato maglia, ma anche le mutande, per passare in un’altra squadra in cambio di una Presidenza, un posto di sottogoverno, un Assessorato, un posto in qualche Ente o Fondazione, Consiglio di Amministrazione, in qualche Societ a controllo pubblico o misto…. Ma quando mai?!?!




  1. 1 geronimo 12-19-2007

    Al limite del golpe
    Guardo con orrore alla serie interminabile di scivoloni del Governo sulle materie pi svariate e mi domando dove diavolo sia finita la scuola di Frattocchie e la tanto sbandierata capacit amministrativa della sinistra.
    Una volta si diceva: “saranno anche comunisti ma sono addestrati a governare la cosa pubblica con competenza … bisogna ammetterlo sono pi bravi di quelli di destra perch non si improvvisano politici ed hanno una grande cultura di governo” .
    Fatto sta che alla prova del nove hanno collezionato una serie di ingenuit a dir poco demenziali.
    Sulla vicenda Petroni, il consigliere Rai reintegrato dopo essere stato immotivatamente cacciato da Padoa Schioppa, come sul caso Speciale, il Governo si coperto di ridicolo.
    La vergogna per la magra figura riuscita ad offuscare anche un comportamento che, nei fatti gravissimo.
    Sul caso Petroni, nessuno ricorda che Padoa Schioppa ha rimosso un consigliere che creava una sorta di equilibrio in consiglio di amministrazione tale da non permettere al Governo di fare i propri porci comodi; nella memoria collettiva tale caso passer alla storia come quello di un ministro che non riesce nemmeno ad istruire un atto amministrativo inoppugnabile.
    Sempre su tale vicenda, poi un giorno qualcuno dovr spiegarmi con che coraggio osa dire in giro che Berlusconi occupa le televisioni… almeno, se vero, lui ci riesce.
    Anche la vicenda Speciale offre un amaro spunto di riflessione: tutti ricordano e ricorderanno in futuro la panzana presa da un Consiglio dei Ministri incapace di rimuovere il Comandante Generale della GDF perch l’atto con il quale si rimuoveva il vertice della GDF era viziato nella forma e nella sostanza.
    Nessuno ricordar mai il Ministro Padoa Schioppa quando in Parlamento os , neanche troppo velatamente, dare del delinquente e corrotto al comandante ancora in carica innescando un conflitto tra poteri dello Stato senza precedenti.
    Nessuno ricorder mai che Visco ha ordinato la rimozione di Speciale perch il Comandante si era rifiutato di trasferire da Milano gli ufficiali che indagavano su Unipol.
    Sarebbe opportuno che si rinfrescasse all’opinione Pubblica il concetto che questo Governo, al di la delle topiche clamorose e ridicole, compie degli atti al limite del colpo di Stato.
    Altra cosa che non capisco:
    si punta il dito contro la Forleo e DeMagistris perch osano indagare D’Alema, Mastella, Fassino ecc.
    Poi si alza il primo giudice di Napoli e decide che Berlusconi intercettabile e che gli atti politici di Berlusconi sono sindacabili ed anzi hanno rilievi penali.
    Cosa questo se non un colpo di Stato?
    Oggi approda in Senato una manovra finanziaria che alla camera stata emendata in modo tale da aumentare di qualche miliardo di euro gli oneri a carico della finanza pubblica ( tradotto : il “ tassa e spendi per farti i cazzi tuoi”) .
    Tutti sanno che i malumori al Senato sono parecchi e che potrebbe non esserci la maggioranza: ecco di buon mattino piombare Scalfaro e Levi Montalcini ad alterare numericamente ci che politicamente non esiste pi: la maggioranza.
    Non violenza politico istituzionale questa? Sar anche legittimo il voto dei Senatori a vita ma non pu alterare gli equilibri perch altrimenti il ruolo alto e nobile del Senatore a Vita diventa ruolo di parte e politico.
    Anche la pantomima del decreto sicurezza offre degli allarmati spunti di riflessione.
    Penso che questo Governo debba smetterla con i decreti omnibus ( un decretone nel quale si nascondono provvedimenti sulle materie pi disparate).
    Tale provvedimento era nato sulla scia emotiva per il grave atto compiuto ai danni della Signora Reggiani e che aveva scosso l’Italia .
    La gente chiedeva sicurezza ed il Governo, speculando in maniera macabra sulla morte di una cittadina, inseriva il provvedimento sulle discriminazioni sessuali che non c’azzecava un cavolo con la sicurezza.
    Scoperto l’arcano ed innescatasi la polemica, il Governo ha traccheggiato il pi a lungo possibile lasciando poi decadere un provvedimento perch, senza una norma anti omofobia, Rifondazione avrebbe fatto le barricate.
    Questa l’ennesima violenza che il Popolo Italiano subisce dalla sinistra massimalista: non si risponde al bisogno di sicurezza della gente perch altrimenti Luxuria e Grillini si incazzano.

  2. 2 Giampiero 12-26-2007

    Carissimo Geronimo,
    “Parole,parole,parole…” la canzone adatta a siffatto Governo!
    Per fortuna la memoria recente aiuta, anche se “ sordo chi non vuol sentire”! Tu parli di “golpe” ed effettivamente la parola corretta per definire l’occupazione dello stato, dalle masime cariche alle telecomunicazioni…il governo si regge su alcuni senatori non eletti, quindi non delegati dal popolo, quindi con un vizio sostanziale di democrazia. Spero che la coscienza civile si indigni, ovunque e in qualunque partito alloggi,perch non siamo difronte ad una semplice contumelia tra fazioni opposte, ma siamo al cospetto di un profondo degrado della democrazia.
    Sono molteplici gli esempi che tu hai elencato….ma per onorare la memoria non tanto recente, gi un governo di centrosinistra con a capo Prodi, legittimato dal voto popolare, ha dato spazio prima a D’Alema non scelto dal voto popolare e poi al Governo Amato addirittura nenanche eletto in Parlamento…

  3. 3 Perla 1-7-2008

    I politici sono sempre ed ovunque nel mirino di avversari, giornalisti, opinione pubblica…E, come tutti noi, hanno degli scheletri nell’armadio. E’ normale.
    Ora, se ad un giornalista viene permesso di scavare nella vita privata di un individuo – servendosi inoltre di mezzi illeciti- e di renderla pubblica, lo considero una offesa grave alla libert personale, non degna di un paese civile, democratico.
    La legge uguale per tutti. L’immunit parlamentare non c’ pi, ma il diritto alla privacy s. Le intercettazioni telefoniche sono illecite, cos come lo la pubblicazione di dati personali, riservati. I personaggi pubblici non sono degli alieni, sono dei cittadini, esattamente come tutti noi, con gli stessi diritti e doveri. La pubblicazione di una conversazione telefonica tra Silvio Berlusconi ed un dirigente della RAI un atto gravemente lesivo del diritto alla privacy ed al trattamento riservato dei dati personali. Il nostro ordinamento giuridico prevede la figura del garante, che dovrebbe vigilare sul rispetto e la corretta applicazione della normativa vigente in materia, la cui violazione non giustificabile in alcun modo.
    Vorrei sottolineare anche un altro aspetto della faccenda, che vede coinvolto Berlusconi in presunti tentativi di corruzione nei confronti di alcuni senatori di sinistra e di un dirigente della Rai, Agostino Sacc. Io penso che, al di l della sussistenza o meno del fatto, la “corruzione” non un’invenzione di Berlusconi o una prerogativa della destra. E’ sempre esistita, in tutti gli schieramenti politici (e non solo), a tutti i livelli. E’ una prassi vecchia, profondamente radicata nella societ. E’ un po’ come la prostituzione, che la sinistra si illude di abolire con le multe. Credo invece nel buon senso e nel pragmatismo, nel fine che giustifica i mezzi. Bisogna sapere valutare e distinguere. A volte preferibile una buga ad una verit scomoda. Penso siano importanti i fatti, i risultati, la sostanza, le azioni concrete che un uomo politico compie e le battaglie che porta avanti per risolvere i problemi quotidiani dei cittadini. Quando i conto tornano, nessuno chiede dei mezzi utilizzati per farli quadrare…Il vero problema che i conti non tornano…..

Per lasciare un commento inserisci nei campi seguenti Nome, E-Mail (non verrà pubblicata) e un indirizzo web (facoltativo). ATTENZIONE: Avruscio.it non è responsabile per il contenuto dei commenti, i quali appartengono esclusivamente a chi li ha scritti. Mi riservo comunque di eliminare eventuali commenti non pertinenti con l'articolo o dal contenuto offensivo. Gli indirizzi IP degli utenti vengono memorizzati automaticamente e in caso di violazione di legge verranno comunicati all'autorità competente.

cerca