03
gen
1 Stella2 Stelle3 stelle4 stelle5 stelle (6 voti, media: 5 su 5)
Loading ... Loading ...
  |   Pubblicato in Attivit in Comune, Corriere della Sera and Politica  |0 commenti   |   Invia per e-mail questo post Invia per e-mail questo post

Dall’articolo de Il Corriere della Sera- Veneto – a firma di Alberto Rodighiero(immagine da: www.diversamenteoccupati.it)
Se a fare una cosa del genere fosse stata una giunta leghista sarebbe gi stata messa alla gogna. Giampiero Avruscio punta il dito contro il bando comunale per l’assunzione di 20 nuovi agenti di polizia municipale. Il regolamento del concorso, pur formalmente ineccepibile, racchiude in s delle procedure che rischiano di escludere a priori chi non abita a Padova o nella cintura urbana accusa il consigliere comunale di Forza Italia. Il bando, (aperto a tutti i cittadini italiani) prevede una prima preselezione psico-attitudinale dalla quale per sono esentati i dipendenti di ruolo del Comune di Padova e i candidati assunti a tempo determinato per almeno 12 mesi nel Comune di Padova.
I candidati che hanno superato la prova e si sono piazzati entro la 300esima posizione della graduatoria vengono poi ammessi alla frequenza di un corso di preparazione.
E proprio qui si annida la parte pi subdola del dispositivo rincara la dose Avruscio.
Il corso, si svolger in ore serali e nelle giornate di sabato, -si legge ancora nel bando -:La durata del corso di 80 ore con una frequenza obbligatoria minima di ogni singolo argomento non inferiore al 50% e comunque con una frequenza complessiva non inferiore all’80%. Dopo la regolare partecipazione al corso i candidati saranno ammessi a partecipare alle prove d’esame.
Solo dopo aver partecipato ad un corso di 80, dico 80 ore, i candidati potranno accedere al concorso vero e proprio scandisce l’esponente di Forza Italia. Calcolatrice alla mano, Avruscio prova a fare due conti: Facendo una media di 14 ore la settimana, due ore la sera dal luned al venerd e quattro al sabato, i corsi potrebbero durare 5 settimane, pi di un mese. A questo punto viene da chiedersi chi, non abitando a Padova o al massimo in provincia, si sognerebbe mai di partecipare a delle lezioni che serviranno solamente ad accedere ad una selezione dove su 300 persone ne passano appena 20, in pratica meno del 7 per cento. Mi chiedo poi perch -aggiunge il consigliere di Forza Italia-, un numero di candidati cos alto sia ammesso al corso-concorso a fronte dei 20 posti da coprire, di cui 10 gi riservati al personale interno e altri 3 riservati ai militari volontari in ferma breve o in ferma prefissata quadriennale nelle tre forze armate. In pratica alla fine tutto si gioca su 7 posti disponibili.
Il dubbio che mi viene che in questo modo, velatamente e in modo decisamente subdolo, si voglia creare una corsia preferenziale per i padovani- continua Avruscio-. E’ chiaro che per una persona che abita a Padova molto facile frequentare il corso, senza sostenere alcuna spesa di vitto e alloggio, mentre per chi proviene da fuori Regione, le cose diventano pi complicate. Mi sembra evidente che un ragazzo meridionale scarti immediatamente la possibilit di partecipare al bando.
Avruscio va gi duro: Nel Comune dei “vigili extracomunitari”, del cooptato “consigliere straniero aggiunto”, dei nuovi punteggi che definiscono le graduatorie per la casa che non tengono in nessun conto se una persona risiede da 2 mesi o vent’anni, che non applica l’ordinanza Bitonci sui clandestini perch discriminante, del prossimo diritto di voto agli extracomunitari, ecco la “conversione” leghista di Zanonato & Carrai che, pur attraverso l’applicazione di norme quanto mai legittime, creano corsie preferenziali. IL 2008 una novit l’ha gi portata, cara Giunta Zanonato , benvenuta nel centrodestra.




  1. No Comments

Per lasciare un commento inserisci nei campi seguenti Nome, E-Mail (non verrà pubblicata) e un indirizzo web (facoltativo). ATTENZIONE: Avruscio.it non è responsabile per il contenuto dei commenti, i quali appartengono esclusivamente a chi li ha scritti. Mi riservo comunque di eliminare eventuali commenti non pertinenti con l'articolo o dal contenuto offensivo. Gli indirizzi IP degli utenti vengono memorizzati automaticamente e in caso di violazione di legge verranno comunicati all'autorità competente.

cerca