30
gen
1 Stella2 Stelle3 stelle4 stelle5 stelle (19 voti, media: 5 su 5)
Loading ... Loading ...
  |   Pubblicato in Personale and Politica  |4 commenti    |   Invia per e-mail questo post Invia per e-mail questo post

“La Stampa” 30 gennaio 2013: Il “professor principe” e la fidanzata ucraina all’assalto del tesoro, a firma di Mattia Feltri, Roma. Pubblico questo articolo come esempio di beni pubblici dati in gestione sulla fiducia… Tra poco si andrà a votare. “A buon intenditor poche parole”!

Quando, a fine maggio del 2011, il professor principe Marino Massimo De Caro entrò nella biblioteca Girolamini di Napoli, capì che era il paese della cuccagna. Il professor principe (che professore non era, perché non aveva mai insegnato a Verona, come diceva, né si era laureato a Siena e nemmeno era principe di Lampedusa, come si vantava) spalancò gli occhi e disse al conservatore della biblioteca, padre Sandro Marsano, che il sogno sarebbe stato di vivere lì. Ispezionò le sale, esaminò lo stato dei dorsi, gettò occhiate chirurgiche agli scaffali e sentenziò: «Qui è meraviglioso, ma è tutto infestato di tarli, un disastro».
Il professor principe si offrì per assumere il gravosissimo incarico di direttore e padre Marsano, grato, accettò. Del resto il professor principe era così titolato e così referenziato… Marino Massimo De Caro, nato a Bari quarant’anni fa, è sodale del senatore Marcello Dell’Utri, ha eccellenti contatti col giro di Massimo D’Alema, frequenta il gruppo di Coesione nazionale, fondato nel dicembre 2010 per salvare il governo di Silvio Berlusconi. Dell’Utri lo presenta a Giancarlo Galan, ministro dell’Agricoltura, dove De Caro viene messo alla prova: si occupa di fotovoltaico e benone, grazie alle conoscenze del settore energetico e di qualche oligarca russo. Galan lo vuole anche al ministero della Cultura, perché ha passione e competenze. Il professor principe si intende di volumi rari, ha una libreria a Verona ed è membro dellAssociazione Librerie Antiquarie. Gira l’Italia e ne visita i tesori. All’abbazia di Monte Cassino ruba un libro di Galileo e due incunaboli. Alla biblioteca di Padova prende dei manoscritti. Alla Biblioteca Nazionale di Napoli vede il Siderus Nuncius di Galileo, se ne procura un fac simile, torna, sostituisce l’originale e lo intasca. Sgraffigna ovunque. A Firenze dai Padri Scolopi, dalla biblioteca del ministero. Ma è alla Girolamini che gli manca in fiato. Padre Marsano lo nomina direttore e avverte il ministero (ma non Galan, che non ne sa niente). Dal primo di giugno, il professor principe è un uomo fortunato.
Mancano libri, gli inventari sono lacunosi, le cure urgenti. De Caro fa chiudere la biblioteca e allontana i bibliotecari. Raduna il suo staff: l’ex guardia del corpo argentina, Alejandro Cabello, la fidanzata ucraina, bellissima bionda e gigantesca, Victoriya Pavlovski, il vecchio socio, Maurizio Bifolco, e un’altra mezza dozzina di personaggi clamorosamente improbabili. E comincia il più spettacolare e devastante saccheggio di libri rari, antichi e preziosi che mente umana ricordi.
Il gruppo lavora giorno e notte, a ritmi folli. I libri vengono spostati, selezionati, impilati. Se ne riempiono sacchi, cesti di vimini. Scatoloni con edizioni del Cinquecento e Seicento di Copernico, Tommaso d’Aquino, Keplero e Cicerone sono caricati su furgoni e portati in stanze d’albergo, garage alla periferia di Napoli, pure nel tinello di zia Angiolina, parente di uno della banda. Si sale sugli scaffali più alti e, per risparmiare fatica, si lasciano cadere i volumi da dieciquindici metri di altezza, e di piatto, ché se atterrano di taglio si distruggono. Li si nasconde nei bagni che vengono chiusi a chiave.
Piergianni e Mariarosaria Berardi sono due fratelli sulla sessantina. Sono custodi precari. I rumori e i movimenti non
li convincono. Anche perché padre Marsano, che per i pm sa ciò che succede, ha fatto staccare allarmi e telecamere e autorizzato il professor principe di entrare ovunque, a qualsiasi ora, per qualsiasi motivo. Mariarosaria trattiene la chiave della Sala F, coi cataloghi e i manoscritti più belli. Ma la obbligano a consegnarla alla totale disposizione del direttore. I due ora sospettano. Piergianni riesce a far riattivare il circuito video per qualche giorno, lo devia sul suo computer e registra la razzia.
Nel frattempo sono state rubate migliaia di tomi, incunaboli, memoriae. Un restauratore cancella i segni di riconoscimento e il materiale va in tutto il mondo, nelle librerie, nelle case d’asta, da collezionisti privati, per un sacco di soldi. Una decina abbondante di libri va anche a Dell’Utri, che si dichiara stupefatto e restituisce il bottino, compresa una legatura cinquecentesca del Canevari, capolavoro assoluto di cui esistono cinquanta copie al mondo. Non restituisce, però, e per ragioni ignote, una copia dell’Utopia di Tommaso Moro,
Il resto si sa. Il professor Tomaso Montanari di Firenze riesce a entrare alla Girolamini e trova la distruzione. Pagine a terra, volumi sfasciati, lerciume, scaffali ripuliti, una brandina matrimoniale e materassi per i momenti di raro riposo. Montanari ne scrive sul Fatto. Parte l’inchiesta. I fratelli Berardi portano in Procura i video conservati sul pc. Per la banda è la fine. La Girolamini non sarà mai più quella di prima. A Natale la visita il presidente Giorgio Napoletano. Lo guidano Piergianni e Mariarosa, i custodi precari che si sono reinventati 007, e che settimana scorsa sono stati insigniti dell’onorificenza di Cavalieri al merito della Repubblica.




  1. 1 Giovanni Abatangelo 1-30-2013

    La storia e’ descritta molto bene ed è molto triste. Il nostro patrimonio artistico culturale andrebbe amministrato meglio e forse potrebbe essere anche annoverato fra le risorse economiche produttive non delocalizzabili all’estero. Chissà  !!!!

  2. 2 FRA DIAVOLO 1-30-2013

    Beh!! Che c’è da meravigliarsi???? L’Italia è in mano a bande criminali, politiche, poliziesche, istituzionali, della magistratura, delle forze armate, persino il colle non ne è esente!!! Orde di pubblici dipendenti che timbrano i cartellini e vanno per i ca…zzzi propri, uffici pubblici dove trovi il muro di gomma, si rube e si truffa ogni bene che viene a disposizione di politici, di pubblici funzionari, ogni occasione è buona per arricchirsi. ormai è diventato impossibile lavorare e vivere in questo letamaio. Tutti sono a conoscenza delle truffe ai danni della collettività  ma alla fine ognuno che sa si fa i c…zzi suoi e sa che poi altrettanto faranno gli altri colleghi per lui. Si scopre sul MPS che già  due anni fa la magistratura e la guardia di finanza erano venuti a conoscenza della “Banda del 5% “!!! Ed in questi due anni cosa hanno fatto??? hanno preso ordini dai comunisti per caso per stare fermi????L’unica risorsa rimasta ai cittadini, ormai è scendere con il machete e fare piazza pu…ta! Ma prima o poi accadrà !!

  3. 3 Giovanni Zurlo 1-31-2013

    Caro Giampiero,
    “non ci resta che piangere” Da dove cominciamo? Oggi alla radio ho sentito che in Liguria (?) si sono fatti rimborsare la “Nutella ” .
    Forse però invece che piangere sarà  meglio che cominciamo a ridere ( ci farà  bene alla salute) pensando ai mille modi ed ai mille personaggi che tranquillamente ci fregano grazie anche alla ignavia di tutti e/o ad un preteso garantismo che grazie alla lentezza della giustizia fa sì che ogni giorno di più si dica ” Chi ha avuto, ha avuto , chi ha dato ha dato, scordiamoci u’ passato , simu …… italiani paisà ).
    Cosa ne pensi se cominciamo a licenziare chi ruba , a farsi rimborsare parte del rubato, a bloccare conti correnti anche dei parenti,
    Ciao
    Giovanni.

  4. 4 nino 2-5-2013

    MA COME VI PERMETTETE, parlare male di uno amico del fondatore del PDL, amico di Massimo di Alema, da sempre numero due del pdl.
    Solo perche’ due invidiosi si mettono d’accordo coi magistrati politicizzati di sinistra, un uomo perbene che ha sempre fatto il bene della cultura finisce nel fango, ma insomma

Per lasciare un commento inserisci nei campi seguenti Nome, E-Mail (non verrà pubblicata) e un indirizzo web (facoltativo). ATTENZIONE: Avruscio.it non è responsabile per il contenuto dei commenti, i quali appartengono esclusivamente a chi li ha scritti. Mi riservo comunque di eliminare eventuali commenti non pertinenti con l'articolo o dal contenuto offensivo. Gli indirizzi IP degli utenti vengono memorizzati automaticamente e in caso di violazione di legge verranno comunicati all'autorità competente.

cerca