05
lug
1 Stella2 Stelle3 stelle4 stelle5 stelle (18 voti, media: 4.89 su 5)
Loading ... Loading ...
  |   Pubblicato in Politica  |1 commento   |   Invia per e-mail questo post Invia per e-mail questo post

TASI E PAGA!

Riporto parte dell’articolo de Il Giornale del 4 luglio, a proposito di “Tasse occulte” . Non bastavano le accise sui carburanti, i rincari su smartphone e tablet, quelli sulle sigarette, l’aumento dell’aliquota sulle rendite finanziarie e il taglio di alcune agevolazioni fiscali. Adesso, l’ultima trovata dell’esecutivo è nascosta nel decreto Legge del 24 giugno n.90, precisamente all’articolo 53. Trattasi del contributo unificato, ossia un’imposta che colui che vuole accedere alla giustizia deve pagare per ciascun grado di giudizio nel processo civile (compresa la procedura concorsuale e di volontaria giurisdizione), nel processo amministrativo e in quello tributario.

Come si legge nell’articolo 53 del decreto sulla Pubblica Amministrazione: “Alla copertura delle minori entrate derivanti dall’attuazione delle disposizioni del presente capo (…) si provvede con le maggiori entrate derivanti dall’aumento del contributo unificato di cui all’articolo 13 del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115”.
Parliamo di un aumento generalizzato del 15%-20%. Qualche esempio?
Per i processi di valore fino a 1.100 euro si è passati da 37 euro a 43. In pratica se un cittadino volesse fare ricorso al giudice di Pace per una multa relativa al mancato pagamento della sosta sulle strisce blu (sanzione pari a 22 euro), dovrà pagarne 43 per poter accedere alla giustizia. Più del doppio.
I rincari del balzello vanno a scaglioni. E così si passa da 85 euro a 98 euro per i processi superiori a 1.100 euro e fino ai 5.200; da 206 a 237 per i processi fino a 26mila euro; da 450 a 518 per quelli fino a 52.000 euro e via dicendo fino all’aumento maggiore – da 1.466 a 1.686 euro – per i processi di valore superiore a euro 520.000. Tutto questo in primo grado. Perché per i giudizi di impugnazione il contributo è aumentato della metà ed è raddoppiato in Cassazione.
Ma non è finita qui. Per i processi di esecuzione immobiliare il contributo dovuto è pari a euro 278 (prima era di 242). E ancora: per la procedura fallimentare, il balzello passa da 740 a 851 euro. Oltre al danno c’è poi la beffa. Perché, come è scritto nel decreto, nel caso in cui le previsioni di entrate non siano quelle previste dal governo, il ministro dell’economia e delle finanze, con proprio decreto, provvederà “all’aumento del contributo unificato nella misura necessaria alla copertura finanziaria delle minori entrate risultanti dall’attività di monitoraggio”. Cambiano i suonatori, ma la musica non cambia!



  1. 1 perla 7-5-2014

    Che confusione! Ma come sostengono gli economisti: nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma…

Per lasciare un commento inserisci nei campi seguenti Nome, E-Mail (non verrà pubblicata) e un indirizzo web (facoltativo). ATTENZIONE: Avruscio.it non è responsabile per il contenuto dei commenti, i quali appartengono esclusivamente a chi li ha scritti. Mi riservo comunque di eliminare eventuali commenti non pertinenti con l'articolo o dal contenuto offensivo. Gli indirizzi IP degli utenti vengono memorizzati automaticamente e in caso di violazione di legge verranno comunicati all'autorità competente.

cerca