13
giu
1 Stella2 Stelle3 stelle4 stelle5 stelle (14 voti, media: 5 su 5)
Loading ... Loading ...
  |   Pubblicato in Politica and Precari  |0 commenti   |   Invia per e-mail questo post Invia per e-mail questo post

Grazie all’impegno profuso dal Comitato Dirigenti Precari del Veneto, con incontri politici, sindacali, dibattiti, sensibilizzazione a mezzo stampa e televisioni, internet, mozioni e manifestazioni…  la nebbia in Valpadana si è diradata!!! 33 minuti è durata la discussione, 33 sono stati i voti favorevoli. Dopo il Primato della Regione Veneto per aver promulgato una Legge per la stabilizzazione del Personale Dirigente Sanitario, interpretato in senso limitativo solo per i medici e veterinari, il 12 giugno alle ore 18,43 il Consiglio Regionale ha approvato all’unanimità , dopo la presentazione di alcuni ulteriori  emendamenti proposti dalla Giunta e dai Capigruppo, “L’autentica interpretazione” di quella Legge (art.2 della Legge Regionale 16 agosto 2007 n.22), chiarendo che il processo di stabilizzazione riguarda anche le altre figure professionali della Dirigenza Snitaria: Psicologi, Biologi, Farmacisti….tranne i Dirigenti Sanitari Amministrativi(nota dolente!!!).  (Questo il comunicato stampa della Regione Veneto)
(Arv) Venezia 12 giu. 2008 – Il Consiglio regionale del Veneto ha approvato all’unanimità  la legge che definisce l’autentica interpretazione dell’articolo 2 della legge regionale 22 del 16 agosto scorso in materia di stabilizzazione del personale precario del servizio sanitario regionale, e dell’articolo 96 della legge finanziaria 2008 relativo alla stabilizzazione del personale precario della Regione Veneto. Per quanto riguarda i precari in sanità  la legge chiarisce che la stabilizzazione, cioè la trasformazione del contratto a termine in contratto a tempo indeterminato, deve intendersi riferita a tutte le figure professionali dirigenziali che operano nel ruolo sanitario, oltre ai medici e ai veterinari. In merito ai dipendenti regionali l’interpretazione autentica specifica che la stabilizzazione riguarda anche il personale assunto dai gruppi del Consiglio regionale e dalle segreterie degli assessori e dispone a tal fine “un’apposita procedura selettiva riservata”, dalla quale sono esentati coloro che abbiano già  superato un concorso pubblico per l’assunzione presso la Regione Veneto. Durante la fase necessaria per la stabilizzazione è prorogata la validità  delle graduatorie concorsuali a scorrimento ancora vigenti per le assunzioni a tempo indeterminato.




  1. No Comments

Per lasciare un commento inserisci nei campi seguenti Nome, E-Mail (non verrà pubblicata) e un indirizzo web (facoltativo). ATTENZIONE: Avruscio.it non è responsabile per il contenuto dei commenti, i quali appartengono esclusivamente a chi li ha scritti. Mi riservo comunque di eliminare eventuali commenti non pertinenti con l'articolo o dal contenuto offensivo. Gli indirizzi IP degli utenti vengono memorizzati automaticamente e in caso di violazione di legge verranno comunicati all'autorità competente.

cerca