01
set
1 Stella2 Stelle3 stelle4 stelle5 stelle (10 voti, media: 5 su 5)
Loading ... Loading ...
  |   Pubblicato in Gioacchino da Fiore and Politica  |0 commenti   |   Invia per e-mail questo post Invia per e-mail questo post

Proprio così! Barack Obama, candidato alla Presidenza degli USA per il Partito Democratico, si ispira come l’Associazione di Padova all’abate filosofo definito da Dante “…di spirito profetico dotato” (Paradiso, Canto XII, vv. 140-141). Obama ha infatti citato tre volte durante i suoi ultimi discorsi l’abate medievale calabrese nato a Celico, provincia di Cosenza (1135 ca), chiamandolo “maestro della civiltà  contemporanea” e “ispiratore di un mondo più giusto”.
L’unico consigliere italiano del suo staff, l’antropologo Aldo Civico, esperto di Relazioni Internazionali e docente alla Columbia University, smentisce di essere stato lui o qualcuno del suo entourage ad avergli fatto conoscere Gioacchino da Fiore o ad avergli ispirato queste citazioni: “E’ stata una autonoma scoperta culturale da parte di Obama”. Baget Bozzo noto teologo e politologo genovese, consigliere culturale tra i piu’ ascoltati da Silvio Berlusconi dichiara: “Indubbiamente e’ molto interessante che citi il pensatore calabrese, da sempre considerato come il portabandiera di una societa’ piu’ giusta e pacifica”. E ancora: “E’ sorprendente e al tempo stesso straordinario ed interessantissimo che Obama usi un pensatore utopico ed escatologico tra i piu’ importanti nell’indicare la necessita’ di un cambiamento radicale della storia”. “Trovo culturalmente interessante questa citazione di Barack Obama. E’ una finezza culturale -ha concluso don Gianni Baget Bozzo- che vorrei capire meglio dal momento che Gioacchino da Fiore e’ considerato uno dei simboli dell’utopia cristiana”.

Nel “Chi siamo” del blog www.associazionedafiore.com la sintesi di quello spirito di renovatio che ha animato la vita e le opere di Gioacchino da Fiore, che ha ispirato per l’attualità  del suo messaggio la nascita e l’attività  degli incontri culturali e politici della nostra Associazione a lui intitolata, oggi alla ribalta mondiale perchè al suo pensiero filosofico ricorre anche uno dei candidati alla Presidenza dello Stato più potente del mondo!

Gioacchino da Fiore fondatore della Congregazione Florense, muore a Pietrafitta (Cosenza) il 30 marzo 1202. Le sue reliquie sono conservate nella stessa provincia calabrese dell’Abbazia di San Giovanni in Fiore. Venne erroneamente sospettato di eresia – l’anno prossimo il Vaticano dovrebbe concludere il processo per la sua beatificazione, iniziato il 25 giugno 2001 dall’Arcidiocesi di Cosenza-Bisignano.

(Immagine da: www.florense.it) – Tavola VI del Liber Figurarum -




  1. No Comments

Per lasciare un commento inserisci nei campi seguenti Nome, E-Mail (non verrà pubblicata) e un indirizzo web (facoltativo). ATTENZIONE: Avruscio.it non è responsabile per il contenuto dei commenti, i quali appartengono esclusivamente a chi li ha scritti. Mi riservo comunque di eliminare eventuali commenti non pertinenti con l'articolo o dal contenuto offensivo. Gli indirizzi IP degli utenti vengono memorizzati automaticamente e in caso di violazione di legge verranno comunicati all'autorità competente.

cerca