05
dic
1 Stella2 Stelle3 stelle4 stelle5 stelle (12 voti, media: 4.58 su 5)
Loading ... Loading ...
  |   Pubblicato in Attività  in Comune, Pacifinti and Politica  |0 commenti   |   Invia per e-mail questo post Invia per e-mail questo post

Era il 9 marzo 2000 a Padova. C’era il centro sociale Pedro, c’erano le case occupate, c’era la contrarietà  dell’allora amministrazione di centrodestra. Ci fu una manifestazione non autorizzata fino ai cancelli del Comune e la richiesta dei manifestanti, negata, di parlare con il sindaco. Ci furono tafferugli, uno dei poliziotti di nome Cecchini riportò delle ferite e ci fu un morto: Vittorio Petiti, per il quale la Magistratura emanò una sentenza di condanna per omicidio colposo. Ci furono alcune prese di distanza di autorevoli esponenti del centrosinistra che pur condannando gli scontri, criticarono l’atteggiamento di “chiusura” del centrodestra. Una vittima che fu presto dimenticata, a differenza di quello che successe poi al G8 di Genova. E quando la storia si dimentica, siamo costretti a vederla ripetersi. Per fortuna oggi senza morti.

Se si ritiene che le politiche giovanili, della sicurezza, della casa… si possano e debbano affrontare con gli strumenti democratici, che la stagione della violenza come strumento politico sia superata, che l’Università  non sia più il porto franco dei “cattivi maestri”, questo episodio deve far riflettere. Il rischio della recessione, l’enorme debito pubblico, la disoccupazione, il fallimento di molte imprese, l’abuso e la proliferazione del precariato… costituiscono un humus in cui le forze più estremiste e ideologiche possono nutrirsi e crescere.
Spetta a noi forze politiche, sindacali e sociali l’intelligenza, la lungimiranza e la responsabilità  di dare segni positivi e costruttivi, di guardare in modo non strumentale alle sofferenze umane. Di rafforzare le protezioni sociali senza cadere nell’assistenzialismo, di salvaguardare i diritti ma non i privilegi, di offrire occasioni e opportunità  ai giovani in un sistema-paese oligarchico e gerontocratico. Se si condividono alcune linee direttive fondamentali, stare dalla stessa parte in alcuni casi è un grande segno di Civiltà .

(Immagine da www.montecritica.net)




  1. No Comments

Per lasciare un commento inserisci nei campi seguenti Nome, E-Mail (non verrà pubblicata) e un indirizzo web (facoltativo). ATTENZIONE: Avruscio.it non è responsabile per il contenuto dei commenti, i quali appartengono esclusivamente a chi li ha scritti. Mi riservo comunque di eliminare eventuali commenti non pertinenti con l'articolo o dal contenuto offensivo. Gli indirizzi IP degli utenti vengono memorizzati automaticamente e in caso di violazione di legge verranno comunicati all'autorità competente.

cerca