28
lug
1 Stella2 Stelle3 stelle4 stelle5 stelle (16 voti, media: 4.94 su 5)
Loading ... Loading ...
  |   Pubblicato in Attività  in Comune, Gazzettino, Pacifinti, Politica and Via Anelli  |0 commenti   |   Invia per e-mail questo post Invia per e-mail questo post

Via Anelli e’ stata finalmente sgomberata. Dopo che la giunta di centrosinistra di Padova ha riconosciuto, con grave ritardo di circa due anni e mezzo, come “salubre” il piano della Regione da sempre sostenuto dal centrodestra, per evitare che chi avesse speculato sul degrado del quartiere, potesse ritornarlo a fare. Certamente restano ancora dei punti interrogativi di quanti effettivamente erano in possesso di un regolare contratto di affitto e di quanti invece non lo erano ma che hanno trovato lo stesso “accoglienza” nelle case del Comune… ! Il Centro Sociale Gramigna e’ stato finalmente sgomberato. Dopo che il centrodestra in Comune lo aveva piu’ volte richiesto a gran voce: ci sono voluti gli arresti per sospetto di terrorismo e appartenenza alle BR di alcuni che lo frequentavano per convincere Zanonato a farlo sgomberare. Le prime vittime delle BR a Padova, Mazzola e Giralucci, finalmente sono stati ufficialmente riconosciute come appartenenti a tutta la Citta’ e non solo ai parenti o ad una parte politica, che hanno avuto il merito per ben 33 anni di onorarne sempre la memoria e di lottare contro il silenzio colpevole dell’altra parte politica. E ora cosa ne sara’ del Centro Sociale Pedro? I Pedrini “pacifinti” nipoti diToni Negri non propugnano forse la violenza come strumento di lotta politica? Casarini non propugna l’esproprio proprietario, evoluzione dell’esproprio proletario? Vittorio Petiti di cui nessuno si ricorda non e’ stato forse ucciso da un Pedrino durante una manifestazione non autorizzata davanti al Comune e condannato per omicidio colposo in terzo grado? Quale targa o nome di Piazza lo ricordano a Padova? Tutti in compenso ricordano Carlo Giuliani, persino un’Aula del Senato lo ricorda! Cosa ne sara’ degli altri immobili occupati illegalmente, come la scuola di via Forcellini occupata da Razzismo Stop? Oltre ai movimenti politici finora “premiati” nelle loro attivita’ non sempre osservanti della legalita’, c’e’ da registrare a Padova un aumento della criminalita’: basta leggere quanto riportato dal dott. Calogero all’inaugurazione dell’anno giudiziario, con una precisa descrizione dei numeri, della tipologia, delle zone cittadine e delle appartenenze etniche della criminalita’. Chi puo’ in coscienza asserire che negli anni dell’Amministrazione Zanonato il degrado della Citta’ e’ diminuito? Certo non dipende tutto dall’attivita’ dall’Amministrazione locale, ma e’ sotto gli occhi di tutti che Padova diventa sempre piu’ invivibile e insicura: omicidi, furti, pestaggi, spaccio di droga, stupri… esiste oggi una zona di Padova che non sia a rischio? Che si possa definire sicura? Oggi neanche il Centro di Padova lo e’! Considerato il fatto che su molte delicate questioni della nostra Citta’ il centrodestra poneva giusti obiettivi e percorsi, che lo stesso centrosinistra nel tempo ha dovuto ricredersi e riconoscere come corretti, perche’ non comporre un tavolo di concertazione politica per il gravissimo problema del degrado che affligge la nostra Citta’ e che diventa sempre piu’ insopportabile per tutti i cittadini che sono rispettosi della legalita’? Non aspettiamo l’ennesimo atto di violenza o di stupro nel pieno centro cittadino, non aspettiamo che gli animi si surriscaldino, troviamo insieme delle soluzioni condivise: per il bene della Citta’ e dei suoi cittadini! Riscopriamo e facciamo riscoprire a tutto il mondo che anche Padova come Genova ha il suo G8, solo che da noi si scrive GIOTTO….ed e’ una gran bella differenza!




  1. No Comments

Per lasciare un commento inserisci nei campi seguenti Nome, E-Mail (non verrà pubblicata) e un indirizzo web (facoltativo). ATTENZIONE: Avruscio.it non è responsabile per il contenuto dei commenti, i quali appartengono esclusivamente a chi li ha scritti. Mi riservo comunque di eliminare eventuali commenti non pertinenti con l'articolo o dal contenuto offensivo. Gli indirizzi IP degli utenti vengono memorizzati automaticamente e in caso di violazione di legge verranno comunicati all'autorità competente.

cerca