25
set
1 Stella2 Stelle3 stelle4 stelle5 stelle (7 voti, media: 5 su 5)
Loading ... Loading ...
  |   Pubblicato in Gazzettino, Politica and Primarie  |0 commenti   |   Invia per e-mail questo post Invia per e-mail questo post

Ovvero quando si dice: “parlar chiaro!” Microfono aperto all’intervento “Azzurri insieme? Troppo bello!” di Leonardo Padrin (F.I.), Sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale Veneto

E’ stato bello leggere sul Gazzettino di domenica scorsa che, secondo alcuni, non ci sarebbero divisioni dentro Forza Italia a Padova e che esiste invece un coro unanime che giudica negativamente l’operato del sindaco Flavio Zanonato, che tutti sono d’accordo per fare le primarie e che bisogna lasciare spazio ai giovani… Così bello da non sembrare vero. Però perché dubitare? Perché non dare credito a tutte queste buone intenzioni? Perché non favorirle nella loro attuazione? Cominciamo con i giovani: in che modo possiamo impegnarli nel partito e nelle istituzioni? Si potrebbe candidarli a coordinatori comunali, magari provinciali, magari alle provinciali, dove i collegi sono “sicuri” o comunque dove non sono sicuramente perdenti in partenza. Magari ricordando che il coordinamento provinciale di Forza Italia non nascerà  al prossimo congresso, che questi ultimi quattro anni sono stati gestiti da una maggioranza che ha nomi e cognomi, e che era nella totale disponibilità  di questa maggioranza realizzare tutti i buoni propositi che sta annunciando ora. Ricordo che quando un gruppo di giovani del conselvano propose di fare le primarie, qualche anno fa, la reazione fu tutt’altro che favorevole. Senza eccezioni.
Il superamento delle divisioni (a chiamarle correnti si rischia la scomunica) deve avvenire su fatti concreti:
a) Chi condivide che non ci siano doppi incarichi e cumoli di indennità ? Pubblichiamo un elenco e vediamo chi sono a chi fanno riferimento i “professionisti” della politica.
b) Chi condivide che per scegliere il candidato sindaco a Padova, si facciano le primarie aperte a tutti gli elettori?
c) Chi condivide che le candidature a coordinatore provinciale vengano fatte subito e non alla fine dei congressi, in modo che i delegati possano identificarsi in alcune idee e non in altre, in un programma invece che in un altro? Evitando che succeda quello che successe quattro anni fa, quando si trovarono tre persone di notte per decidere l’elezione di Stefano Svegliado (ero uno dei tre e me ne assumo la responsabilità ).
d) Chi condivide che non va bene che un professionista riceva incarichi da un ente pubblico e che poi presenti tante tessere, troppe tessere in tutta la provincia di Padova? Tessere che hanno come riferimento chi lo ha incaricato professionalmente!
Su queste e molte altre cose come queste il partito deve trovare la propria unità  interna e la forza per proporsi all’esterno per cercare nuovi elettori. Non sulle chiacchiere!
Altrimenti si rischia che Forza Italia imploda al proprio interno, che collassi, che continui a verificarsi quello che è successo finora, cioè che il risultato migliore arrivi alle elezioni politiche e regionali quando non sono candidati i responsabili locali del partito.




  1. No Comments

Per lasciare un commento inserisci nei campi seguenti Nome, E-Mail (non verrà pubblicata) e un indirizzo web (facoltativo). ATTENZIONE: Avruscio.it non è responsabile per il contenuto dei commenti, i quali appartengono esclusivamente a chi li ha scritti. Mi riservo comunque di eliminare eventuali commenti non pertinenti con l'articolo o dal contenuto offensivo. Gli indirizzi IP degli utenti vengono memorizzati automaticamente e in caso di violazione di legge verranno comunicati all'autorità competente.

cerca