17
ott
1 Stella2 Stelle3 stelle4 stelle5 stelle (18 voti, media: 5 su 5)
Loading ... Loading ...
  |   Pubblicato in Attività  in Comune  |4 commenti    |   Invia per e-mail questo post Invia per e-mail questo post

Grazie agli incentivi del Governo e alla mozione approvata in Consiglio Comunale nella Seduta del 19/10/2009 che aveva per oggetto: RIDUZIONE DELL’INQUINAMENTO ATTRAVERSO IMPIANTI FOTOVOLTAICI SUGLI EDIFICI PUBBLICI DEL COMUNE DI PADOVA, ora Padova è più “solare”. Nella Seduta del 22/02/2010 ho presentato un’altra Mozione per l’ ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE nel Comune di Padova, approvata all’unanimità da 26 consiglieri su 40 presenti in Aula. Il servizio di bike sharing , ovvero la “condivisione della bicicletta” è utilizzato come uno degli strumenti di mobilità sostenibile a disposizione dei Comuni che intendono ridurre i problemi derivanti dal traffico autoveicolare e del conseguente inquinamento ambientale. Tale servizio di biciclette pubbliche è stato istituito in alcune città europee ed italiane (MIlano, Roma, Ferrara, Treviso..) per favorire la mobilità dei cittadini, non come semplice servizio di noleggio bici, ma come un vero e proprio sistema di trasporto pubblico da utilizzare insieme ai tradizionali mezzi di trasporto.
Il servizio può essere posizionato in prossimità dei principali punti strategici della Città: dalla stazione ferroviaria all’ università, dagli ospedali ai luoghi di interesse turistico, dai centri amministrativi e commerciali ai parcheggi, come parte di un sistema intermodale.Il Servizio presuppone un abbonamento che consente di  prendere la bici, utilizzarla per la destinazione preferita e restituirla nella stazione più vicina. La Regione Veneto ha recentemente dato un finanziamento al Comune di Padova finalizzato al bike sharing. Il Ministero dell’Ambiente ha emanato il Bando “Bike Sharing e fonti rinnovabili”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 16.04.2010. Con tale bando il Ministero dell’Ambiente intende finanziare progetti di bike sharing associati a sistemi di alimentazione mediante energie rinnovabili ed in particolare pensiline fotovoltaiche. Il programma finanzia interventi che prevedono la realizzazione di progetti di bike-sharing, insieme ad interventi di efficienza energetica, anche attraverso fonti di energia rinnovabile, mediante l’utilizzo di risorse economiche per un importo complessivo pari a € 14.000.000,00 (quattordicimilioni/00).
L’Amministrazione Comunale con Delibera di Giunta del 12 ottobre 2010 ha deciso di partecipare al bando per ottenere i finanziamenti da parte del Governo.  Così, oltre al Fotovoltaico il Comune grazie alla proposta passata in Consiglio Comunale il 22 febbraio 2010 e grazie ai finanziamenti del Governo, potrà regalare ai cittadini il Servizio di Bike Sharing. Di seguito il video che illustra la proposta poi approvata all’unanimità

Avruscio presenta Bike Sharing/video




  1. 1 Stella 10-17-2010

    Anche questa volta, quindi, un comune di centrosinistra accoglie le valide proposte della minoranza consiliare.
    Mi chiedo se accadrebbe la stessa cosa se le parti fossero ribaltate….

  2. 2 Giampiero 10-17-2010

    Cara Stella, sono stato sempre all’opposizione, quindi non so riferirti a parti invertite cosa succederebbe. Il mio modo di essere mi porta a considerare i contenuti e non il colore di provenienza. La differenza che noto nella mia esperienza è questa: il Consiglio Comunale su mia proposta ha votato all’unanimità  l’installazione dei “Parcheggi Rosa” per favorire la mobilità  delle donne in gravidanza. Su un tema del genere, il centrosinistra, visto che la proposta veniva da un’altra parte politica, ha posto tali e tanti ostacoli che la proposta stessa è arrivata all’attenzione del Consiglio dopo moltissimo tempo! E su un tema del genere, avrei voluto vedere se qualcuno avesse potuto votare contro, anche se ci sono stati i soliti “distinguo”! Però nonostante due legislature, l’Amministrazione di centrosinistra non li ha ancora attuati, nonostante sia legge del Comune! Su una mia proposta di considerare i precari un’emergenza sociale, invece la maggioranza di centrosinistra ha votato no, proprio perchè la proposta era da un’altra parte poltica! Per il Fotovoltaico, l’Amministrazione ha fatto pubblicità  del tipo: “Il Comune regala l’impianto Fotovoltaico ai padovani”. Cosa assolutamente falsa perchè l’impianto lo pagano i cittadini e lo recuperano in parte con gli incentivi del Governo…ma in ogni caso nessuno del centrosinistra dice che la proposta è nata dalla minoranza e che è grazie al Governo che si possono recuperare le spese dell’installazione. Lo stesso vale per il servizio di Bike Sharing. Mentre per le grandi opere di cui oggi si vanta il centrosinistra, come il Parco alla stanga, il metrobus, la nuova viabilità  di Montà  o di Padova Est, le rotatorie, ecc… sono tutte opere progettate, programmate e finanziate dal centrodestra. Per non parlare di altre questioni come per esempio la gestione delle Farmacie Comunali. Di cui ora il centrosinistra si prende il merito! Gli esempi sono innumerevoli…Nella prossima legislatura, quando a governare Padova sarà  il centrodestra, faremo la prova del nove!

  3. 3 AndreaDFC 10-18-2010

    L’iniziativa é sicuramente utile e non mancherà³ di approfittarne: abitando fuori Padova, mi farebbe comodo lasciare l’auto a Brusegana e poi proseguire in bici.
    Però spero che non fallisca miseramente come l’analoga di anni fa, le cui bici sono state rubate nel giro di poche settimane. Non è accettabile che tra l’università  e i giardini dell’arena ci sia da sempre un risaputo traffico di bici rubate. Tutti lo sanno tranne le forze dell’ordine? Non credo…
    Conosco diverse persone che userebbero di più la bici se non temessero i continui furti.

  4. 4 Stella 10-30-2010

    D’accordo Giampiero.
    Mi piacerebbe però che nel tuo blog -ogni tanto- si desse rilievo anche alle cose positive realizzate dal Comune di Padova… Giusto per restare nello spirito del “bene comune” al di là  dei colori di parte.. *-*

Per lasciare un commento inserisci nei campi seguenti Nome, E-Mail (non verrà pubblicata) e un indirizzo web (facoltativo). ATTENZIONE: Avruscio.it non è responsabile per il contenuto dei commenti, i quali appartengono esclusivamente a chi li ha scritti. Mi riservo comunque di eliminare eventuali commenti non pertinenti con l'articolo o dal contenuto offensivo. Gli indirizzi IP degli utenti vengono memorizzati automaticamente e in caso di violazione di legge verranno comunicati all'autorità competente.

cerca