29
giu
1 Stella2 Stelle3 stelle4 stelle5 stelle (14 voti, media: 4.93 su 5)
Loading ... Loading ...
  |   Pubblicato in Personale, Sanità and Università   |4 commenti    |   Invia per e-mail questo post Invia per e-mail questo post

Paolo Zamboni e Claude Franceschi

Sessanta pazienti arruolati e “un sogno coraggioso” per la cura della sclerosi multipla: la sperimentazione del famoso “metodo Zamboni” – tra i suoi sostenitori illustri, Nicoletta Mantovani, vedova di Luciano Pavarotti, affetta dalla malattia – approda nella città del Santo. L’Ulss 16 di Padova, con il suo Direttore Generale Fortunato Rao e il Referente Sanitario Daniele Donato, è l’unico Ente del Veneto accreditato a partecipare allo studio multicentrico “Breave Dreams”, acronimo che sta a significare “migliorare il drenaggio venoso del cervello con angioplastica per verificare se può essere una delle terapie sfruttabili contro la sclerosi multipla”. Il dottor Giampiero Avruscio, Angiologo Direttore della Medicina specialistica dell’Ulss 16 ha superato vari tests sul protocollo scientifico da seguire e ha ottenuto l’accreditamento diagnostico: il progetto di sperimentazione, da lui coordinato e prossimo a partire, si basa su studi pionieristici che sono stati pubblicati a livello internazionale fra il 2008 e il 2009, generando grandi speranze fra i malati. “La nostra azione – spiega Avruscio – serve proprio per vedere con grande scientificità quante di queste speranze possano essere effettivamente mantenute. E’ una proposta coraggiosa, ecco il perchè di Brave Dreams che significa letteralmente sogni coraggiosi”. La sclerosi multipla è una malattia cronica progressiva che interessa il sistema nervoso centrale (cervello, nervi ottici e midollo spinale). “Disturbo neurologico, si manifesta tipicamente tra i 20 e 40 anni e colpisce più di frequente le donne con un rapporto di 3 a 2. La causa non è ancora conosciuta, anche se si ipotizzano più teorie: recentemente il prof. Paolo Zamboni, chirurgo vascolare dell’Università di Ferrara, ha pubblicato interessantissimi dati secondo i quali – ricorda Avruscio – esiste una correlazione tra un ostacolato deflusso di sangue attraverso le vene giugulari, chiamato “CCSVI” (insufficienza venosa cronica cerebro-spinale) e sclerosi multipla. “Sulla rivista scientifica Annals of Neurology, sono state pubblicate alcune mie considerazioni relative ad uno studio della Clinica Neurologica di Padova, secondo il quale non esisterebbe alcun rapporto tra CCSVI e SM. Analizzando attentamente i dati riportati proprio in questo lavoro, si riscontra invece una forte correlazione: chi presenta una CCSVI, possiede  un rischio molto elevato, 9 volte, di sviluppare SM.” Se così fosse, allora basterebbe disostruire le vene giugulari attraverso la tecnica dell’angioplastica e la malattia si attenua o regredisce”. Il professor Zamboni rileva che “Avruscio ha applicato un’analisi statistico-matematica ineccepibile sulla quale concordo: il suo approfondimento va a completare l’eccellente lavoro della Clinica neurologica di Padova e ci rivela che la “CCSVI” ovvero questo “blocco venoso”, rappresenta il più potente fattore di suscettibilità mai identificato finora, poichè aumenta di 9 volte la possibiltà di ammalarsi di sclerosi multipla”.




  1. 1 Stella 6-30-2011

    Caro Giampiero, speriamo che questa tua intuizione posti grandi risultati. Le persone affette da Sclerosi Multipla sono troppe e troppo sofferenti, anche tra quelle che ho personalmente conosciuto. In bocca al lupo e tante congratulazioni !!!

  2. 2 carlotta 7-5-2011

    Le persone affette da sclerosi multipla sono tante,nella scuola dell’infanzia mi sono capitati due casi di bimbi di 5anni, soffrono tantissimo queste creature,mi auguro di vero cuore che la tua intuizione possa aiutare anche i bambini affetti da tale malattia. Grazie per tutto ciò che fai, e farai per loro che sono cosi piccoli

  3. 3 sparrow1970 8-6-2011

    Egregio dott. Avruscio, le auguro veramente di ottenere risultati eclatanti. Io credo molto nella scoperta del prof. Zamboni e quindi sono sicuro che questo progetto la porterà  a scoprire nuove frontiere; cosa che i suoi colleghi neurologi di Padova non raggiungeranno mai se continuano di questo passo…..

  4. 4 LISA VIVIAN 11-26-2012

    Salve Dottore, mi scuso se sono così insistente ma vorrei fare quell’intervento; mi trovo a combattere contro 2 cose: sm e esiti di trauma encefalico contusivo emorragico.
    Se recupero gli esiti del trauma, poi mi trovo altra cosa da combattere…..noh!!!
    Sono stanca, io non voglio compassione ma aiuto da persone competenti. Aiutami per favore (mi permetto a darti del tu visto che avremmo più o meno la stessa età ).
    L.V. tel.342/1416650

Per lasciare un commento inserisci nei campi seguenti Nome, E-Mail (non verrà pubblicata) e un indirizzo web (facoltativo). ATTENZIONE: Avruscio.it non è responsabile per il contenuto dei commenti, i quali appartengono esclusivamente a chi li ha scritti. Mi riservo comunque di eliminare eventuali commenti non pertinenti con l'articolo o dal contenuto offensivo. Gli indirizzi IP degli utenti vengono memorizzati automaticamente e in caso di violazione di legge verranno comunicati all'autorità competente.

cerca